Viaggio nella Terra delle Gravine:da Ginosa a Massafra, un itinerario pugliese da scoprire

La #CartolinaDalMondo di oggi arriva direttamente dalla Puglia e a scrivercela è Maria del blog Aroundmemm.

Una Puglia insolita si trova qui, nella Terra delle Gravine, dove il paesaggio cambia dal resto della regione. Ci si ritrova in uno scenario spettacolare tra rigogliosi e profondi canyon che arrivano fino al mare, dove distese di sabbia dorata corrono lungo il litorale del mar Jonio fino alla vicina Basilicata lambite da una riserva biogenetica di Pini d’Aleppo.

Molte delle città che si trovano in questo territorio sono nate a ridosso delle gravine, quasi a picco, per avere una protezione dalle invasioni esterne ma forse ancor di più, per una sorta di continuità con le grotte rupestri che una volta erano abitate.

Un insolito itinerario pugliese: Ginosa, Laterza, Castellaneta e Massafra

Le città che ricadono nella Terra delle Gravine sono dodici. In questo post ve ne presento quattro per la distanza tra di loro.

Ginosa è la città più a ovest della provincia di Taranto sulla quale non mi dilungo molto perché vi consiglio di leggere il post alla scoperta di Ginosa e Ginosa Marina di Eli e Fabi che ospitano questo mio post sul loro blog. Una visita che hanno fatto in occasione del loro viaggio in Puglia e che hanno definito Ginosa come “il genere di luogo che fa per noi…. senza fiumi di folla che ti impediscono di vedere il paesaggio”.

Rione Casale – Ginosa
Photo Credit: foto concessa da Maria Millarte di Isabella Bello di Visit Ginosa

Ed è proprio così. Questi sono i luoghi meno turistici della Puglia e tutti ancora da scoprire.

Avvicinandoci verso Taranto si trova Laterza, la città delle maioliche. Le più antiche sono esposte nel Muma, il museo delle Maioliche allestito nel Palazzo Marchesale. Nei laboratori di ceramica, sparsi nel centro storico, si può fare una esperienza diretta e portarsi a casa il manufatto. Per gli amanti della natura non può mancare una escursione nella gravina, accompagnati dalle guide della Lipu. Laterza è famosa per il suo pane fatto di semola di grano duro rimacinata. Una fetta con un filo di olio extravergine di oliva e un pomodorino vi farà resuscitare le papille gustative.

Ci dirigiamo verso Castellaneta, la città del bel Rodolfo Valentino, il famoso attore del cinema muto degli anni ’20 di Hollywood. Nel centro storico il museo a lui dedicato raccoglie oggetti personali, film, poster e tanto altro, che raccontano la sua vita. Da non perdere la visita alla Castellaneta sotterranea con passaggi segreti, tunnel, stanze in cui sono ricostruiti quadri di vita quotidiana di un’epoca passata, circa trecento anni fa. Da non perdere una discesa nella gravina se volete ritemprarvi e passare del tempo a contatto con la natura.

Arriviamo a Massafra, la città del Carnevale. Se vi trovate a passare nel periodo di Carnevale vi troverete immersi in una città divertente, piena di allegria e potete seguire i carri da molto vicino. Non ci sono transenne che delimitano il percorso degli enormi carri allegorici durante la sfilata. Di grande interesse è il Santuario della Madonna della Scala che è situata nella gravina. Una posizione insolita per un santuario che siamo abituati a vedere in alto. Per visitarla si scendono centoventicinque scalini circondati dai versanti ricchi di vegetazione. È una esperienza che consiglio di fare insieme all’escursione che porta alla grotta del Ciclope e alla cosiddetta Farmacia del Mago Greguro.

Scalinata del santuario di Massafra
Photo Credit: Maria Millarte – Araoundmemm

Conclusioni

In questo itinerario ho voluto dare solo un assaggio di quello che offre questa parte della Puglia (a volte sottovalutata) ricca di storia, di tradizioni, di bellezze naturali e di una grande varietà enogastronomica. In questi luoghi l’ospitalità e la cordialità sono due qualità ancora autentiche. Sono tante le attività da fare e i posti da vedere che non rimarrete delusi.

Potete seguire Maria anche sui social: Instagram, Facebook, Twitter e Pinterest.

Questo post è stato realizzato per il progetto “aiutiamoci ad aiutarci” realizzato da Insolitotramtravel.

Please follow and like us:

Potrebbero interessarti

2 Comments

  1. Grandi ragazze! Entrambe! Siamo lieti che abbiate colto il nostro invito ad aiutarsi e siamo fieri di avervi avute fra noi! 😀

    Un bacio!

    1. Eli and Fabi On the Road says:

      Grazie a voi del bellissimo progetto!

Comments are closed.