Giordania On the Road – sesta tappa: dai castelli del deserto al relax sul Mar Morto

Siamo giunti alla fine di questo on the road in Giordania, proseguono quindi i nostri consigli su cosa vedere in questa terra magica.
L’ultima tappa prevede la visita dei castelli del deserto e poi un giorno di relax sulle rive del Mar Morto, ma andiamo con ordine.
Dalla capitale, Amman, è possibile fare delle escursioni ai castelli del deserto. Non si tratta di castelli medioevali con torri e tutto ciò che ci fa immaginare questa parola, ma delle bellissime strutture architettoniche, palazzi, del passato costruite per ragioni diverse, e ora si trovano in mezzo al deserto lontano dal caos cittadino, vicino al confine con l’Iraq.
Due di questi sono stati costruiti dagli Omayyadi nel VIII secolo, mentre uno nel I secolo quando i romani conquistarono la Giordania, anche se venne poi ricostruito qualche secolo più tardi dagli Omayyad.

Qasr Amra

Photo Credit: Eli and Fabi

Il castello di Amra fa parte del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dal 1985.
Questo castello è uno dei più piccoli e all’interno non è rimasto molto, si possono osservare ancora alcuni affreschi e il pozzo profondo quaranta metri.

Qasr al-Azraq

Photo Credit: Eli and Fabi

Il castello di Azraq è una grande fortezza nei pressi della cittadina di Azraq. All’epoca era consiserato strategico, poiché vicino a una delle rare oasi della Giordania.
Racchiuso tra le mura, il castello è stato realizzato in pietra basaltica ed è quasi del tutto visitabile anche se è rimasto per lo più soltanto la parte delle mura.

Qsar al-Kharana

Photo Credit: Pinterest

Questo castello, o meglio, palazzo, è a pianta quadrata ed è rimasto intatto nella sua pianta originale.
All’interno è possibile ammirare delle strutture architettoniche intatte quali colonne, archi e altre.

Mar Morto
Lasciati i castelli del deserto e passata l’ultima notte ad Amman, l’ultimo giorno è dedicato al relax sulle sponde del Mar Morto.
Il Mar Morto è conosciuto per essere nella depressione più bassa della terra, circa 415 metri sotto il livello del mare. Più che un vero e proprio mare è un lago che bagna Giordania e Israele.

Photo Credit: Eli and Fabi

Cosa fare in questo mare salatissimo? Si può fare il bagno, ma non un bagno qualunque, grazie all’elevata quantità di sale è possibile stare seduti, leggere comodamente il giornale stando a galla nell’acqua.
Sulle coste del Mar Morto vi sono diversi resort con piscine (è meglio non stare in acqua più di 15-20 minuti e risciacquarsi non appena uscite dall’acqua) e solrium, con possibilità di farsi ricoprire con i famosi fanghi. I fanghi del Mar Morto sono infatti noti per le loro proprietà benefiche sulla nostra pelle (in tutta la Giordania troverete in molti negozi i fanghi in vendita, consigliamo di provarlo, vi renderanno la pelle molto liscia).

Photo Credit: Eli and Fabi

Questo bellissimo tour di una settimana ci ha lasciato dei bellissimi ricordi e lasciare questa terra magnifica non è semplice, ma noi vorremmo dare solo un arriverci e un a presto.
Se volete rilassarvi sulle coste del Mar Morto, qui troverete alcune idee per il soggiorno.

Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 29 settembre 2017

    […] la visita di Petra e del castello di Azraq abbiamo assaggiato la Maqluba, tradotto in italiano, la “capovolta”. La Maqluba è […]