Viaggiare con neonati da 0 a 12 mesi: come gestire lo svezzamento in viaggio

Una delle cose che più spaventa i genitori di un bambino dai 6 mesi in poi per un viaggio è il cibo.
Finché i nostri piccoli prendono il latte, viaggiare con loro è più semplice: il latte materno è sempre pronto in ogni momento, luogo e preparare il latte artificiale non è così impossibile, basta un thermos per tenere l’acqua al caldo e un barattolo con la quantità di latte in polvere necessaria.
Ma a partire dal sesto mese le cose si complicano. Lo svezzamento è un passo importante e delicato per il bambino e per noi genitori. Il nostro piccolo sta crescendo, spuntano i primi dentini ed è giunta l’ora di iniziare a scoprire il mondo del cibo.
Sul web e sui libri si trovano moltissime idee di svezzamento: autosvezzamento, svezzamento classico, alcuni cibi si, altri no eccetera eccetera. Qual è quello giusto?Beh tutti mi verrebbe da dire, anche perché più o meno dicono tutti la stessa cosa, tranne che per l’autosvezzamento, ma questa è un’altra storia. Noi ci siamo affidati al nostro pediatra e stiamo seguendo il percorso classico proposto da lui e per la nostra bambina è perfetto. Vi consigliamo di seguire il vostro pediatra e il vostro bambino.

Photo Credit: Pinterest

Se state programmando dei viaggi in questo periodo particolare non temete, ci sono alcuni piccoli accorgimenti per evitare di stressare il bambino e per fargli apprezzare il primo approccio con il cibo. La nostra piccola viaggiatrice dall’inizio dello svezzamento (un mese e mezzo fa) ad ora ha fatto una settimana in Liguria e una in Emilia Romagna, oltre a numerosi weekend in viaggio tra Piemonte e Toscana, battesimo compreso. Ecco alcuni pratici consigli per viaggiare durante l’inizio dello svezzamento.

Il piccolo compie sei mesi durante la nostra vacanza, come fare?
Questa domanda l’abbiamo posta al nostro pediatra proprio perché la nostra Little Girl avrebbe dovuto iniziare a mangiare le pappine in Liguria alla vigilia del sesto mese. Cercate di non far coincidere l’inizio dello svezzamento con il viaggio anche se si tratta di una settimana tranquilla al mare o in montagna in Italia. L’avvicinamento al cibo solido in un luogo poco o per nulla familiare non vi aiuterà, meglio anticipare lo svezzamento di una settimana o 10 giorni oppure posticiparlo al vostro rientro, in modo da poter iniziare questo viaggio alla scoperta del cibo in un ambiente famigliare.

Come gestire le pappe se prenotato una mezza pensione?
A seconda della formula di viaggio che avete deciso di fare cambierà il modo di gestire i pasti. Se avete una casa o una caravan o un camper potrete cucinare la pappa per il vostro piccolo come a casa, ma se avete optato per un apparthotel ecco come fare. Innanzitutto per i bambini piccoli, se non volete cucinare per voi, vi consigliamo di prendere sempre una camera con angolo cottura per preparare le pappe per il vostro piccolo. Per quanto riguarda la mezza pensione, il pasto che consumerete nel residence (o apparthotel), il bambino lo potrà mangiare comodamente nella stanza/casa, ma per il pranzo? Se decidete d fare delle escursioni lunghe dalla mattina alla sera, vi dovrete attrezzare per il pranzo “al sacco”.
Premetto che noi prelidigiamo i cibi freschi e prepariamo noi gli omogeneizzati di carne, pesce e verdura frullata. Vi consigliamo di procurarvi uno scaldavivande/thermos che si può mettere nel forno a microonde per poter mettere il brodo con la verdura e la carne (in commercio ci sono diversi tipi in diverse fasce di prezzo). In contenitori a parte mettete in uno la quantità di formaggio grattugiato e nell”altro l’olio evo necessari per il condimento. Per mantenere la pappa al fresco vi consiglio di richiedere gratuitamente il kit dello svezzamento della Mellin. Il kit contiene una borsetta termica ideale per portare la pappa, un campioncino di pastina e degli sconti. Lo potete richiedere cliccando su questo link. Abbiamo ricevuto questo kit e la borsa è davvero molto utile. Ricordatevi le posate e un bavagliolo di silicone con la tasca raccoglipappa, facile da pulire e ne basta solo uno.

Photo Credit: Eli and Fabi

E se siamo in autostrada all’ora della pappa?
Se l’ora della pappa coincide con il vostro viaggio in autostrada, nessun problema. Potete preparare la pappa a casa, metterla nel thermos o scaldavivande per mantenerla al caldo. Oppure cercare un autogrill con ristorante in modo da avere a disposizione un forno a microonde per scaldarla. In alcuni ristoranti degli autogrill sono presenti dei cestini con le pappe pronte.

Pranzo o cena al ristorante: come fare?
Come vi abbiamo indicato prima, potete preparare il tutto e metterla nella comodissima borsa termica presente nel kit svezzamento della Mellin e chiedere al cameriere di scaldarvi la pappa (nessuno ci ha mai detto di no).

Per il seggiolone?
Quasi tutti i ristoranti hanno dei seggioloni a disposizione per gli ospiti più piccoli. Diversamente potete acquistare un seggiolone portatile da sistemare sulle sedie e portarlo sempre con voi.
Noi abbiamo utilizzato i seggioloni dei ristoranti dove presenti, una volta ci è capitato di essere stati in un ristorante affollato con nessun seggiolone disponibile e abbiamo utilizzato il passeggino.
Per gli apparthotel o per le case vacanze è utile avere il seggiolone portatile.
Lo svezzamento non deve essere una limitazione ai viaggi, ma nemmeno uno stress per il bambino. Può essere l’occasione per insegnare al piccolo a mangiare anche fuori dall’ambiente famigliare.


Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Gipsy ha detto:

    L’importante è farli viaggiare fin da piccoli: abituarsi al viaggio è importantissimo, apre la mente ed è necessario. Quando avrò figli sono certa che la wanderlust non si fermerà…

    • Sono d’accordissimo con te, il viaggio li rende anche curiosi. La nostra piccola Little Girl avendo i nonni in due regioni diverse sin dal primo mese di vita è stata abituata a viaggiare. Noi continuiamo a viggiare scoprendo il mondo attraverso i suoi occhi e adattando ogni viaggio a misura di bambino.

  1. 19 ottobre 2017

    […] Se volete mangiare bene, spendendo il giusto e assaggiare alcuni piatti tradizionali, ma anche altro, potete andare al Woodpecker. Un ristorante/pizzeria molto grazioso con molti tavoli sia all’interno che all’esterno. Qui l’atmosfera è informale, più turistica. Per pranzi questo locale offre anche un menù turistico ad un buon prezzo dove potrete assaggiare anche dei piatti tipici. La qualità è molto buona. Il ristorante dispone di numerosi seggioloni per bambini. […]